Marcello Jori

DIREZIONE FONTANA

2010

Fotografia a colori

Colour photograph

79x120-cm

Opera Originale "Concetto Spaziale"

di Lucio Fontana, Sulla Neve.

Original work  "Concetto Spaziale"  (Spatial concept) by Lucio Fontana, On the snow.

 

opera donata dall’artista e da

Work donated by the artist and by 

Galleria de’ Foscherari

 

 

Chi è

Nasce a Merano nel 1951. A Bologna, negli anni ’70, termina gli studi classici alla facoltà di Storia dell’Arte, dove incontra Renato Barilli che curerà la sua prima mostra alla Galleria De ’Foscherari di Bologna (1977). Negli anni, si afferma tra i protagonisti della scena artistica italiana, partecipando a tre Biennali di Venezia, alla Biennale di Parigi, a due Quadriennali di Roma. Tiene mostre in gallerie e musei nazionali e internazionali, tra cui: Galleria d’Arte Moderna, Roma; Studio Morra e Galleria Trisorio, Napoli; Studio Marconi, Milano; Galleria De’ Foscherari, Bologna; Corraini, Mantova; Hayward Gallery, Londra; Kunstverein, Francoforte: Holly Solomon, New York; Galleria Civica d’Arte Contemporanea Trento; Castel Sant’Elmo, Napoli. Del 2000 è la personale alla GAM di Bologna nella quale si ripropone l’opera fotografica degli anni ’70. Recente (2011) è l’importante personale di Milano Marcello Jori – Gli Albi dell’Avventura (Fondazione G. Marconi) in cui sono esposti anche i tre libri-opera nei quali l’artista racconta la realizzazione di un incredibile progetto fotografico legato a Lucio Fontana. Vive e lavora tra Bologna e Milano.

 

Cosa fa

Jori è un artista assai colto e poliedrico, e il suo mondo artistico è complesso ed eclettico. Una costante, comunque, che lo accompagna fin dall’inizio, è il lavoro sul corpo, sull’anima e sulla sua opera di artista in un costante dialogo tra artisti scomparsi e artista vivente. Il risultato sono lavori fotografici dove egli interviene su alcuni capolavori del passato interpretandoli testualmente. Nel corso degli anni, l’artista si è così re-impossessato dei Lari – che lui, uomo di studi classici ben conosce - (dall’etrusco Lar - padre, cioè gli antenati che vegliano sulla vita dei loro cari) dando loro una nuova esistenza e creando una sorta di larario dove l’arte protegge se stessa e torna a essere totale, come nella classicità, fino a diventare lui stesso un lare fotografandosi mentre dipinge, su una scala a 10 mt d’altezza, consegnandoci una nuova fase, e una nuova costante, della sua poetica: pitture vorticose e fluttuanti, oniriche e mentali che si innestano sulle altre “costanti” dell’opera dell’artistica- scrittura, musica, design e fumetto - perseguendo un progetto di arte completa che raramente si vede nel panorama italiano contemporaneo.

 

Highlight

Interessato a tutto tondo ai vari aspetti del sapere artistico, Jori è anche fumettista (è tra i fondatori del Nuovo Fumetto Italiano) con le pubblicazioni per Linus, Alter, Frigidaire e per L'Echo des Savanes in Francia e illustratore con le collaborazioni con Vogue, Vanity e con la casa editrice giapponese Kodansha. Nel 1996 pubblica il libro La Città Meravigliosa degli artisti straordinari (testi di S. Benni e A. Mendini), accompagnato da una mostra a Siena, dove inizia la costruzione concettuale e pittorica di una città che ospita e celebri abitanti speciali: gli artisti destinati all’immortalità. Sempre nell’editoria, pubblica Nonna Picassa (Mondadori) un romanzo che parla di creatività e comunicazione artistica. Nella musica, collabora con Vasco Rossi, creando la scenografia di Rock sotto l'assedio, concerto tenutosi a San Siro di Milano. Tra i mille progetti che lo vedono impegnato, collabora inoltre con Alessi e con l’azienda Moroso in una compenetrazione tra design, arredo, fumetti e pittura.

 

Sito

Sito: www.marcellojori.it

Galleria De’ Foscherari: www.defoscherari.com

 

 

 

La sua opera per do ut do

L’opera donata fa parte del progetto de Gli Albi dell’Avventura, una nuova fase di ritorno alla fotografia, ed è stata esposta, nel 2010 alla Galleria De’Foscherari di Bologna e nel 2011 alla già citata Fondazione Marconi, dove era accompagnata da tre libri-opera, scritti e illustrati a mano dall’artista in copia unica, in cui Jori racconta appunto, un’incredibile ed emozionante avventura nell’arte, da lui ideata: portare Concetto Spaziale di Lucio Fontana, quello vero, a “guarire” sotto la neve. Il gallerista Giorgio Marconi ha affidato all’artista l’opera di Fontana e l’artista ha potuto realizzare e raccontare il suo progetto. Ecco cosa dice: “Il taglio di Fontana mi era apparso per quello che era sempre stato: una ferita, la ferita dell’arte moderna! E la neve cos’altro avrebbe potuto essere, se non la sua perfetta cura?”

 

The work donated by the artist is part of a project entitled Gli Albi dell’Avventura

(Illustrated books on the Adventure), a new phase in his return to photography, and which was on show in 2010 at the Galleria De’Foscherari in Bologna and in 2011 at the Fondazione Marconi.

This exhibition included unique copies of three books describing the project, hand-written and  illustrated by the artist in which he tells the story of his incredible and moving artistic adventure in taking the original work "Concetto Spaziale" ( “Spatial concept”) by Lucio Fontana to “heal” in the snow. The gallery owner Giorgio Marconi entrusted the artist with the original work by Fontana, giving Jori the possibility to carry out and narrate his project. 

In his books, Jori wrote: “The slashes by Fontana appeared to me what they had always been: A wound, the wound of modern art! And the snow – what else could the snow have represented other than the perfect healing treatment?”