2012 

Arte Contemporanea

 

        segui gli eventi su Facebook

do ut do è un contenitore di iniziative di raccolta fondi a favore della Fondazione Hospice Seràgnoli, creato in occasione del decennale dell’apertura dell’Hospice di Bentivoglio (Bologna) e dedicato all’arte, alla musica, alla moda, al design, all’arte culinaria, con grandi eventi che vedono coinvolte istituzioni, imprese, collezionisti.

 

do ut do, ideato dall'Associazione Amici della Fondazione Hospice Seràgnoli e organizzato da un comitato creato ad hoc, è stato presentato ad ArteFiera lo scorso gennaio e avrà luogo ogni due anni.

 

Protagonista dell'edizione 2012 di do ut do è l'arte contemporanea.

 

Grandi artisti, e le gallerie che li rappresentano, hanno donato altrettante opere alla Fondazione Hospice Seràgnoli. A loro volta, tali opere verranno attribuite – con estrazione a sorte – a coloro che hanno effettuato una donazione per sostenere le attività della Fondazione stessa.

 

Idea-base del progetto, spiega Alessandro Bergonzoni che ha coniato il nome dell’iniziativa, è proprio quella di donare per il solo fine di donare: dare per dare.

do ut do is a vehicle for fund raising initiatives to benefit the Fondazione Hospice Seràgnoli, created on the tenth anniversary of the opening of the of Bentivoglio Hospice, located near Bologna, and dedicated to art, music, fashion, design, and culinary art, with major events involving different institutions, companies and collectors.

 

do ut do, conceived by the Associazione Amici della Fondazione Hospice Seràgnoli and organized by a committee created for that specific purpose, was presented at ArteFiera last January and will take place every two years.

 

The protagonist of the 2012 edition of do ut do is contemporary art.

 

Great artists, and the galleries that represent them, have each donated a work to the Fondazione Hospice Seragnoli. In their turn, these works will be awarded – through a lottery – to those who have made a donation to support the activities of the Foundation itself.

 

The founding idea of the project, explains Alessandro Bergonzoni who gave the initiative its name, is that of making a donation solely for the sake of donating: giving for giving