Francesco Patriarca

L'APPARTEMENT

2004

C-Print

100 x 100 cm

Edizione in 3 esemplari

 

Opera donata dall’artista

Work donated by the artist

 

Chi è:

Nasce a Roma nel 1974. La sua formazione professionale è intimamente legata alle sue esperienze personali. Ha esposto in gallerie, musei, fondazioni e istituzioni nazionali e internazionali, a partire dal 2002 fino ad oggi. Tra le principali: Galerie Peithner-Lichtenfels, Vienna, The Gossmichael Foundation, Dallas, The Dactyl Foundation, New York, Hamiltons Gallery, Londra, Fondazione Pastificio Cerere, Roma, Galleria Nicoletta Rusconi, Milano, Galleria del Cortile, Roma, Museo Mercati di Traiano, Roma, Musèe Carnavalet, Parigi, Rencontre photographiques en Sud Gironde, Commissione Europea, Parigi,  Zebra Project, Londra, Galleria Nazionale d'Arte, Tirana.

Ha pubblicato reportage fotografici e ritratti su quotidiani e riviste tra cui: International Herald Tribune, Courrier International, La Repubblica, Lire, Regal. Recentissimi sono la mostra presso il Museo e Orto Botanico di Roma, la mostra a Londra nell'East End e una residenza d'artista presso la Sanskriti Foundation in India. Vive a Roma.

 

 

Cosa fa: 

Patriarca utilizza molte tecniche nella sua arte: disegno, pittura, installazione anche se il suo mezzo principale è la fotografia. Attraverso ciò, l’artista però non crea quadri e opere ma veri e propri progetti che spesso nascono da periodi e situazioni vissute personalmente; il mezzo artistico interviene “solo” per trasformare questi progetti in “serie”, in capitoli di un lungo libro esperienziale. Ed ecco la memoria (l’appartement), la fede in una comunità di monaci di clausura (The Accona Desert), le architetture comuniste in Albania (Pyramids Project), la detenzione in un carcere messicano (Fourth Wall), i luoghi teatro di traumi collettivi (Amnesia), la decadenza ambientale (Aggregates). Ne scaturisce una strutturazione di mosaici visivi e mentali in cui l’artista mette a posto pezzetti di vita, propria e collettiva in un archivio di elementi, diversi ogni volta, ma affini all’interno della stessa serie. Senza nessun compiacimento l’opera di Patriarca non nasconde mai il messaggio, ma lascia allo spettatore “l’onere” di scoprirlo. Le sue opere infatti – spesso di largo formato e site specific – mostrano “uno spazio irrisolto e anodino nella sua radicale assenza di riferimenti e cognizioni percettive” come scrive Luigi Fassi e prosegue: “l’assenza di chiose, commenti o ricordi possibili, consegna l’immagine a una presenza silente, come un’apparizione fantasmatica, un’architettura di evocazione mentale, indeterminabile nei suoi tratti effettivi e per questo tanto più aperta alla dimensione dell’interpretazione personale”.

 

 

Highlight- curiosità:

L’impegno civile e la riflessione critica sono spesso presenti nell’opera dell’artista romano. Ad es. Amnesia è stato realizzato nel campo di concentramento di Auschwitz, in Polonia, nel 2006; il progetto The Accona Desert è il risultato di un mese di permanenza dell’artista nel monastero benedettino di Monte Oliveto Maggiore. Nel 2011 collabora con il WWF Francia per la realizzazione di un progetto di denuncia sulle miniere illegali nella Guiana Francese.

 

 

Web:

Sito: www.francescopatriarca.com

 

La sua opera per do ut do:

L’appartement fa parte di una serie di immagini realizzate nella casa dello scrittore francese Andre Pieyre de Mandiargues. Dopo la morte dello scrittore e di sua moglie, l’appartamento è stato lasciato intatto. Le immagini rappresentano le impronte originali sul muro dei dipinti che furono appesi alle pareti della casa e sono state realizzate, in medio e grande formato, durante i quattro anni in cui Patriarca ha vissuto nell’appartamento .Dall’esperienza è nato anche il libro L'appartement di F. Patriarca, Les Editions Filigranes, Parigi, 2004.

 

The apartment is one of a series of images realised in the home of the French writer Andre Pieyre de Mandiargues. After the death of the author and his wife, Sylvie, the apartment was left intact. The image represents the original traces left on the wall by paintings hung there. These photos, printed in medium and large format, were taken during the four years in which Francesco Patriarca lived in the apartment. He also wrote a book on this experiment entitled The apartment by F. Patriarca, Les Editions Filigranes, Paris, 2004